NKlife AHCC® è un integratore alimentare naturale molto utilizzato in medicina ed in particolare in oncologia, ginecologia e scienze dell’alimentazione.

Cos’è AHCC®

AHCC® (Active Hexose Correlated Compound) è un composto immunomodulante naturale derivato da una frazione unica, appositamente coltivata, di micelio di funghi medicinali. E’ stato clinicamente dimostrato il suo ruolo nel rafforzare e supportare il sistema immunitario.
AHCC® è molto noto in Giappone per la modulazione della risposta immunitaria. Viene pertanto utilizzato come integrazione in oncologia e nella terapia per le malattie influenzali, aumentando l’efficacia della risposta anticorpale nei vaccinati e non vaccinati.
AHCC® è supportato da oltre 20 studi clinici umani e da più di 40 pubblicazioni su riviste indicizzate. Negli ultimi dieci anni, è stato ampiamente utilizzato come ingrediente di integratori alimentari, quali l’NKlife AHCC®. Studi sull’uomo e sugli animali hanno dimostrato che AHCC® aumenta il numero e l’attività dei Natural Killer (NK), delle cellule dendritiche con la produzione delle relative citochine, e che supporta la risposta immunitaria complessiva.

Estratto di fungo Shiitake

Lentinula edodes è un fungo commestibile di origine asiatica, più comunemente conosciuto con il nome di shiitake (che significa fungo della quercia).
AHCC® (Active Hexose Correlated Compound) è estratto dal micelio di un ibrido di Shiitake coltivato nell’estratto di crusca di riso. Grazie al basso peso molecolare è in grado di penetrare efficacemente nelle cellule e modulare il sistema immune. I Funghi medicamentosi, ed in particolare lo Shiitake, sono meraviglie della natura e contribuiscono al nostro benessere, dono che inconsapevolmente sprechiamo. La nostra quotidianità ci distrae e spesso non ci consente di apprezzare i doni che la natura stessa ci offre. I funghi hanno un ruolo importante nell’ecosistema, sono il tramite tra il mondo vegetale (inorganico) e animale (organico). Organismi “speciali” privi di clorofilla e per questo diversi dalle “piante verdi”, si procurano le sostanze organiche attraverso Parassitismo – Saprofitismo e Simbiosi. L’utilizzo dei funghi, oltre allo scopo medicamentoso (che si è sviluppato solo nell’ultimo decennio con numerose pubblicazioni scientifiche), si è rivolto anche alla decontaminazione ambientale (Fitodepurazione). I Funghi rappresentano dunque dei super-alimenti per il loro contenuto di aminoacidi essenziali, vitamine, minerali, betaglucani, triterpeni, tutte sostanze che svolgono vere e proprie attività terapeutiche, modulando sia l’ipoattività che l’iperattività del sistema immune. E’ ormai consolidato il dogma che la micoterapia può affiancare, all’interno di un percorso di alimentazione bilanciata, le terapie oncologiche come la chemio e la radio-terapia, con l’intento di migliorare la gestione degli effetti collaterali.
Il 1969 è stato l’anno del primo studio sullo Shiitake, presso il Centro Nazionale dei Tumori di Tokio (Ikekawa T, 1969), per arrivare ad oggi con più di 600 pubblicazioni sui più noti motori di ricerca. La sua azione sul sistema immune aspecifico si determina attraverso l’azionamento di interruttori biologici – siti recettoriale – sui macrofagi. Questi recettori vengono attivati soltanto quando una particella ha esattamente la forma adatta per accoppiarsi al sito recettore – e il Glucano ha quella particolare forma, proprio nello stesso modo in cui una serratura può essere aperta soltanto da una particolare chiave. Dopo questa scoperta, Czop et al. scrissero che “i recettori del beta-glucano forniscono un meccanismo tramite cui viene introdotto un accresciuto stato di reattività dell’ospite”. I più elevati livelli di citochine nel sangue che ne derivano e l’accresciuta comunicazione intercellulare da parte dei messaggeri dell’attivazione immunitaria, significano che il sistema immunitario si trova in una condizione migliore per riuscire a difendere l’organismo da elementi invasori. Tale protezione si dimostrerà in grado di avvantaggiare l’organismo nelle sue difese contro virus, batteri e cancro, ed anche di aiutare a promuovere la rapida guarigione di una ferita. Con una ricerca in Internet su Medline, relativa a beta-glucano, si scoveranno tipicamente oltre 6.000 articoli pubblicati su riviste scientifiche relativi a tale argomento.
I farmaci e i funghi terapeutici sono due grandi doni di Dio e frutti dell’ingegno dell’uomo che, se opportunamente utilizzati in sinergia, possono realizzare il “miracolo” di una vita sana, risultato che sembra utopico in una società in cui più del 50% della popolazione è affetta da malattie croniche.

Composizione di NKlife AHCC®

AHCC® è un complemento alimentare contenente alcune frazioni attive di polisaccaridi lineari, titolati e standardizzati in principi attivi e controllati biologicamente, costituiti da molecole di glucosio unite mediante legami α-glicosidici derivante dal micelio di Lentinus Edones (Shiitakè) coltivato nell’estratto di crusca di riso. AHCC® conferisce rapidamente ad un normale ospite protezione contro una varietà di offese biologiche. L’AHCC® è enzimaticamente modificato e stabilizzato conferendogli basso peso molecolare, 5000 Daltons, così che venga difficilmente digerito dal microbiota e possa attraversare intatto il piccolo intestino, essere internalizzato e frammentato all’interno del macrofago, per poi essere trasportato al midollo ed al sistema retico endoteliale per essere facilmente assorbito ed attivo. Numerose evidenze scientifiche indicano i Glucani come agenti modulanti il sistema immune in grado di conferire rapidamente, ad un normale ospite, adeguata e fisiologica protezione contro una varietà di offese biologiche. L’indicazione “ α o β-1,6-1,3-glucano”, tipica di molti glucani ramificati presenti nei funghi, tra cui il Lentinano (Lentinula edodes), indica che la catena centrale (legami 1-3) ha delle ramificazioni che si dipartono dalla posizione 6.
AHCC® vanta molteplici studi pubblicati su riviste Internazionali specializzate che ne suggeriscono l’integrazione alla dieta per sostenere il sistema immune e favorire la riduzione degli effetti collaterali dovuti alla chemioterapia. I dati attualmente disponibili suggeriscono che la supplementazione AHCC® può giocare un ruolo fisiologico nell’orchestrare la risposta immunitaria, coadiuvante negli stati di sofferenza gastroenterica e nell’alimentazione di soggetti con rischio connesso a stress ossidativo.

Il prodotto descritto non sostituisce le terapie mediche, ma ne rappresenta un utile complemento alimentare che favorisce il ripristino delle condizioni fisiologiche dell’organismo.